Google+ Followers

domenica 17 giugno 2018

QUI CI SONO TUTTI..


Credo tu sappia, che sono arrivato al mio quinto libro scritto, magari speri sia l'ultimo, ma se vuoi prova a fare un percorso a ritroso su questi miei sogni realizzati, con tutto il mio cuore e la mia emozione, credo capirai la sofferenza e la gioia di mettersi in gioco da parte di un animo spesso lacerato da dolori ma illuminato anche da gioie meravigliose..in tutto quello che scrivo, credo ci sia tutto il mio AMORE per la bellezza della vita..e le montagne ne sono parte preponderante


il primo, quello più intimo


la montagna, gli amici e tutto il mio mondo
                           https://ilmiolibro.kataweb.it/libro/poesia/96364/passioni-e-cuore/


Ancora tantri amici e tanta emozione
https://ilmiolibro.kataweb.it/libro/poesia/243629/rieccomi-con-amicizia-passione-e-tante-nuove-


la prima mia storia, dolorosa e purtroppo vera per molte persone..io la trovo bellissima e mi commuove ancora adesso leggerne qualche passo.
emozioni/https://ilmiolibro.kataweb.it/libro/narrativa/330125/non-dimenticatemi-vi-amero-sempre-2/

le foto di una vita, più di quarant'anni, a cercare il mio io in un mondo fatato, la Val di Fassa
                    https://ilmiolibro.kataweb.it/libro/fotografia/410252/emozioni-istantanee-2/

se vuoi ti basta cliccare il link e INIZIA A LEGGERE..puoi vedere credo le prime 20 pagine di ogni libro, credo sia un ottimo modo per capire se nella scrittura, nelle emozioni , sono cresciuto un poco.. e se vuoi commenta pure..                           GRAZIE..



mercoledì 9 maggio 2018

CIAO RAGAZZO, colora di nuove sfumature il cielo


Purtroppo ci sono giorni nel bellissimo , ma difficile cammino della vita, in cui il cuore non riesce a trovare conforto tanto è grave quello che succede e la mente, cieca e sorda dal  troppo dolore , come un tronco sbattuto sulle onde non si da pace e naviga sui marosi  spumeggianti come un'anima dannata. 
Quando un ragazzo , giovanissimo, che potrebbe essere tuo figlio, come età, come modo di essere , come quasi tutto, si addormenta all'improvviso senza neanche lasciare il tempo di salutare, di provare a curare , l'anima è così lacerata che è quasi impossibile , capire i grandi misteri della vita.  Gli occhi , pieni di commozione e di lacrime, si volgono verso in cielo in cerca di un perchè che non arriverà mai e di un qualcosa che possa ridare speranza in chi resta immerso in un dolore tremendo.  Si aspettano dei mesi per vederli arrivare, si amano, si accudiscono, si curano, quante giornate e notti perse per amare il frutto  più grande dell'amore reciproco.. e all'improvviso, quando sembra che tutto vada per il meglio e con le proprie gambe, cuore e mente i figli sembrano essere sulla strada giusta, l'orizzonte si oscura per sempre e tutto finisce. Probabilmente  non tutto finisce perchè l'amore dato e ricevuto, come un tesoro inestimabile , non andranno mai via dai ricordi più belli e cari, però quando la sera , una sedia vuota avrà un peso enorme, come un macigno gigante sull'anima, le lacrime copiose, per molto tempo righeranno il viso. Qualcuno dirà che adesso che hai finito il viaggio stai meglio, sei finalmente felice, che sei un angelo, ma chi lo dice a mamma e papà che sono restati senza quello che avevano sempre sognato, immaginato amato. 
L'unica speranza , anche se difficile, per noi orfani del tuo essere e per chi ti stava vicino è pensare, immaginare che tu sia partito per un lungo viaggio e che , prima o poi , tappa dopo tappa, ci arriveremo e ci ritroveremo tutti insieme, stavolta per una gioia vera ed eterna. 
Ciao ragazzo, da lassù non smettere mai di amare, a chi ti ama e ti ha amato, sopra ogni cosa serve tantissimo sentirti ancora vicino

Emiliano

sabato 5 maggio 2018

Ecco cosa facevo nei giorni in cui mancavo da Facebook..se dovesse interessarti..


La prima e ultima pagina del mio nuovo, prossimo   libro   

EMOZIONI ISTANTANEE, 
una vita da innamorato della val di Fassa.
xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx
introduzione di una amica Fassana e mia risposta..


venerdì 13 aprile 2018

EMOZIONI FASSANE.. introduzione

Come ripeto spesso,ogni montagna regala emozioni infinite, poi le Dolomiti sono quelle che io amo di più, dove la mia giovinezza ha trovato sfogo, su rocce, spigoli e creste varie, aiutandomi spesso a superare anche momenti difficili e perchè negarlo? , anche rifiuti personali che spesso oscuravano la mia anima. 
La val di Fassa come sai è la mia valle preferita, quella del cuore, probabilmente perchè, come tenero virgulto, la mia prima cima , il Piz Boè, avrebbe poi fatto crescere ed orientato la mia voglia di montagna, il mio giocare con l'aria pertrovare un senso più vero all'esistenza. 
Per chi come me , ama la valle, ci sono tantissime emozioni, alcune davvero esaltanti, quante cime, quanti panorami, quanti sospiri davanti alla bellezza di certe vedute o alla maestosità di certe pareti o alla verticalità di certi spigoli dritti verso il cielo, infatti in una parte del libro dedicherò alcune pagine, alle mie salite . Non tantissime perchè ho scelto di raccontare in questo libro solo quelle di Tita Piaz,il grandissimo scalatore valligiano, del quale ricorre l'anniversario. Il capitolo porterà come titolo..
                        SULLE ORME DI TITA PIAZ 
e racconterà la mia salita per lo spigolo Delago alle torri del Vaiolet, la via Maria al Sass Pordoi eil racconto di Robert , una guida alpina della valle che sulla Delago, per lo spigolo Diaz, ci ha portato un uomo di ben 84 anni.  Ecco , a me piacerebbe anche far capire , a chi mi legge, che le guide non lavorano per portarci via i soldi, ma ci fanno amare la montagna in un modo più tranquillo e vero, tra l'altro poi, sono sempre i primi a correre per un soccorso, anche pericoloso e impervio.  Io consiglio sempre a chi mi conosce di provare almeno una volta e in tutta tranquillità ad accarezzare le rocce e raggiungere qualche cima con qualcuno che in sicurezza ci fa godere della bellezza del gesto..magari facendo qualche sacrificio ma provandoci almeno per una volta. 
A proposito di Vaiolet ed emozioni, per dirtene una, quando arrivo al Re Alberto, sotto le mitiche torri e salgo verso il passo Santner , sul sentiero inciampo continuamente, perchè i miei occhi non sanno dove guardare vista la maestosa bellezza dei luoghi..qualche nome a parte le lame verticali dritte verso il cielo?? Croda di Re Laurino, il Catinaccio, punta Emma , proprio da sotto e per non parlare in lontananza dove la Regina, la mitica Marmolada, sembra voler alzare altezzosa il capo verso tutte le altre cime.
Però scendo a emozioni più facili, non banali, perchè i brividi di un'emozione non lo sono mai, ma più alla portata di tutti.
Io come inizio consiglio sempre di fare a piedi, piano piano, la carrareccia che costeggia l'Avisio, partendo da Moena e se è possibile fino a Canazei nonostante siano credo 20 km, ma la valle che muta passo dopo passo, merita un po' di fatica. Già in piazzaella Fata delle Dolomiti, seduti su una comoda panchina, è bellissimo ammirare il Piz Meda con una parete niente male proprio rivolta verso di noi e verso sinistra a seguire tutte le cime del gruppo della Vallaccia fino alla vetta principale. Voltandosi invece  si può guardare le propaggini boscose con un po' di roccette del Latemar che sfumano verso  il Catinaccio , con cime che ti devo confessare non conosco benissimo , fino a quando la Roda di Vael, interrompe la mia ignoranza con la sua particolare e tondeggiante conformazione, e siamo già a Vigo.  A Pozza , cima 11 e cima 12 nascosti finora da punta Vallaccia , rivelano il loro volto più bello e scabroso, con pareti verticali e rocce elegantissime. I Monzoni poco lontano sembrano invitare l'amante del bello ad entrare nel loro mondo magico di rocce strane e se si fa attenzione poco prima di entrare in paese, l'occhio attento nota, sopra la croce del caratteristico Sass de Pere, il Col Bel , verde, quasi fuori posto in tutte quelle rocce, ma ti assicuro bellissimo e facile da salire. Non dimenticherò mai, la sua creta erbosa che divide la val Jumela e la val Grepa, due valli ancora fortunatamente quasi solitarie in estate.  Sempre con l'Avisio che fa da guida e colonna sonora all'escursione, dall'altra parte i dirupi di Larsec e altre cime del Catinaccio, fanno da corona alla valle incantata che credo abbia fatto innamorare tantissimi cuori e sognare tantissime anime. Dopo Mazzin e Campestrin, il panorama si apre e in fondo alla valle , Sassolungo, gruppo del Sella e Piz Ciavazes regalano scorsi che non esagero se li definisco , mozzafiato , con foto a ripetizione su quelle rocce cariche di bellezza e di storia. A Campitello lo sguardo sul Sassolungo è un'emozione senza parole e arrivati a Canazei, stanchi ma soddisfatti, il cuore non sa quale bellezza scegliere tante se ne sono viste. Mi sono dilungato e credo lo farei tranquillamente se ti raccontassi altre emozioni, cosa che farò nel libro in vari capitoli..per adesso , per concludere questo pezzo della mia fatica te ne racconto due che per me sono particolari.  Quando entri in Pozza, sulla sinistra , da moltissimi anni c'è un negozio di minerali e dentro trovi davvero bellezze che non ti aspetteresti, ma la natura è sempre una cosa stupenda da scoprire in ogni sua forma. Io in questo negozio mi sento come un bambino in una rivendita di giocattoli e la signora anziana, la moglie del cercatore di cristalli mi fa sempre vedere pezzi straordinari, e qual'è l'emozione ?? Spesso compravo qualche pezzo che poi metto in una vetrinetta che ho in casa, purtroppo da qualche anno la signora ha perso il marito e credimi è di una tristezza infinita portarle via un ricordo di colui che ha creato questo ambiente, per cui quando ci vado mi emoziono sempre e ci resto male.   Un 'altra emozione forte da farmi quasi commuovere è dell'anno scorso.
La sera di luglio, quando , insieme A Virna, a Pozza ho presentato il mio libro, ho conosciuto Elisa, una ragazza di Firenze , madre di tre figli e con un serio, ma veramente serio,  problema a camminare, però appassionata come pochi delle montagne Fassane.  Dopo circa due settimane dal nostro incontro, che spero le abbia regalato gioia ed emozione , visto che amiamo gli stessi luoghi, mi ha scritto di essere salita a piedi con i tre figli al rifugio Forcella,partendo dal passo Pordoi, in sette ore, dispiacendosi che io ci metta cinquanta minuti, insomma ragionava come se lei fosse troppo lenta per le  escursioni..non ci crederai ma mi sono venute le lacrime, credo che chi lo ha provato quel tratto capisca l'impresa di quella donna, grande Elisa, mi hai commosso, sei tu la vera amante della val di Fassa, non io con la mia boriosa spavalderia..

giovedì 12 aprile 2018

MY MAGIC MOMENT..THE SUNRISE

Montagne , mare, oppure dove si voglia, quando il sole si alza, regala colori e sfumature da sogno..






Il castello di fronte al luogo dove sono nato e vivo, quanti giochi, quante corse e battaglie sui suoi bastioni, quante fughe da ragazzino per giocare a fare il cavaliere contro i cattuivi che volevano distruggere il maniero





I dirupi di Larsec, la fredda mattina delNatale 2015, inverno senza neve, ma luoghi da emozione allo stato puro



Sempre le stesse montagne, ma in luglio, col sole un poco più alto..



La Roda di Vael è sempre un'emozione, specialmente la mattina presto , quando il sole sembra volerle sistemare il trucco per renderla più bella

Il Sassolungo, dal versante Fassano credo non abbia bisogno di inutili parole..è bellissimo..come del resto dagli altri versanti








Anche al mare il sorgere del sole mi sa emozionare, forse perchè il silenzio rotto solo dai canti striduli dei gabbiani, oppure la calma che il mare piatto e amico  mi infondono, aiutano a placare un poco la mia anima sempre tormentata e perennemente alla ricerca di una manciata di felicita'

I pescatori che escono in alto mare alla ricerca del pesce più pregiato, mi fanno tornare alla mente ogni volta che anche io lascio il porto sicuro della vita tranquilla per provare l'emozione di gioie forse piccole , ma sicuramente emozionanti e impagabili..


Un consiglio che do sempre a chi mi frequenta e spesso mi sopporta in montagna..l'alba è bellissima, sempre un'emozionante spettacolo ovunque tu possa essere, però prova almeno una volta ad ammirarla da sopra..di solito il sole sorge davanti a noi, o sopra di noi, prova una volta a vedere il sole che sorge sotto i tuoi piedi, ammirato da un maestoso ghiacciaio o da una slanciata cima di roccia, credimi, per me è una cosa che come esperienza emotiva ha pochi paragoni..



Emiliano..

domenica 8 aprile 2018

CIAO PIERU..BUON COMPLEANNO.. a mio fratello..


Oggi avresti compiuto gli anni, ci saremmo sentiti velocemente al telefono, per gli scambi di auguri, perchè stranamente, di 5 fratelli io ricordavo solo la tua di data dei compleanno..
forse perchè essendo venuto dopo mi sentivo di esserti più vicino e di difenderti dalle brutture della vita.. sigh..
Forse, visto che non c'ero a darti conforto, a toglierti dai pasticci quando il destino infame , ti ha presentato il conto..
CIAO PIERANGELO, non so dove sei e come sei messo, so solo che mi manchi, con la tua allegria, i tuoi scherzi, le nostre discussioni. dai tuoi amici ho saputo che amavi all'inverosimile quersta canzone, tra l'altro del mio autore preferito, te la dedico ricordandoti che ogni volta che la ascolto l'emozione del tuo ricordo mi graffia l'anima e una stilla di tristezza mi adombra un poco il cuore..
CIAO e BUON COMPLEANNO..


Post più popolari

ai giovani

sempre più spesso si sentono criticare i giovani,perchè sono vuoti ,leggeri e non hanno ideali..Ma noi adulti che mondo abbiamo lasciato a questi ragazzi? Le nostre lontane lotte,cosa ci hanno dato da tramandare ai giovani? Noi che allora eravamo idealisti e lottavamo per i diritti,che tipo di mondo abbiamo poi creato per chi è venuto dopo? secondo me ci siamo adagiati sulle comodità e chi è rimasto quello di quei tempi è considerato un fuori di testa