Google+ Followers

martedì 2 agosto 2016

QUALCHE MIA POVERA PAROLA PER AUGURARE UNA RINNOVATA E FELICE VITA INSIEME A CRISTINA E STEFANO..


Amare  è una delle cose più belle nella vita, anche se una tra le più difficili.
Farlo ogni giorno, presuppone il perdere un po’ di quello che siamo, di quello che abbiamo , per donarlo a chi abbiamo scelto in questo difficile ma delizioso cammino. Ogni giorno, l’alba di una nuova radiosa giornata, ci deve portare col pensiero e con la vita a stare vicino a chi abbiamo scelto come frutto dell’amore che  possiamo e sappiamo dare, per sostenerlo nel cammino verso  la meta finale ,  che ci aspetta insieme e  non è nient’altro che la gioia più completa è vera. Allora si che è realizzato il sogno, il desiderio di una vita intera, amare ed essere amati.  Ci saranno le cadute, i momenti in cui il buio sembrerà volerci fermare, ma l’amore vero, quello che viene dal più profondo del cuore e da ogni fibra del nostro corpo, saprà farci alzare e asciugato il sudore del cammino e il sangue di qualche ferita, ci farà guardare con occhi diversi, sempre avidi di felicità , verso il traguardo che insieme abbiamo scelto e che insieme , magari faticosamente, ma con la certezza di essere nel giusto , sarà la nostra grande e giusta ricompensa per l’amore che abbiamo saputo vivere.


IL NOSTRO AUGURIO E’ CHE IL VOSTRO AMORE POSSA ESSERE SEMPRE FRESCO E DISSETANTE COME L’ACQUA DEI TORRENTI CHE INSIEME A NOI QUALCHE VOLTA POTETE AMMIRARE.. E CHE IL VOSTRO PASSATO, CHE ORMAI E’ SEPOLTO , CON LA SUA PAURA NON CONDIZIONI MAI LA VOSTRA GRANDE SCELTA D’AMORE

 il vostro amico  Emiliano..

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari

ai giovani

sempre più spesso si sentono criticare i giovani,perchè sono vuoti ,leggeri e non hanno ideali..Ma noi adulti che mondo abbiamo lasciato a questi ragazzi? Le nostre lontane lotte,cosa ci hanno dato da tramandare ai giovani? Noi che allora eravamo idealisti e lottavamo per i diritti,che tipo di mondo abbiamo poi creato per chi è venuto dopo? secondo me ci siamo adagiati sulle comodità e chi è rimasto quello di quei tempi è considerato un fuori di testa