Google+ Followers

mercoledì 24 settembre 2014

VAL FORMAZZA..un paradiso, un eden..insomma la montagna che mi piace..


Domenica, come da programma del gruppo..I PRIGIONIERI DEI SOGNI in ben ottanta persone, da la nostra cara ma povera pianura..( povera nel senso un pò troppo piatta ) siamo saliti  verso la val Formazza, in provincia di Verbania, un posto che colpevolmente non avevo mai visto e che mi ha colpito per la sua selvaggia bellezza e che ci aveva consigliato Roberta, la mitica Filo..



Appena arrivati, dopo un viaggio lungo ma abbastanza divertente, e ti pareva che io non facessi il pagliaccio, trovo ad aspettarmi, sulla piana di Riale, appena sopra la famosissima e mozzafiato cascata del Toce, Roberta coi suoi figli e un'altra amica di facebook , Sandra col marito che arrivati da Genova trascorreranno un'altra bellissima giornata in questa valle meravigliosa..
Che piacere conoscere finalmente persone che finora ho solo potuto seguire dietro una tastiera e accorgersi che sono proprio come li avevo immaginati, bravissime persone, semplici, e molto ma veramente molto in gamba..
Comunque riunito il mio gruppo al rifugio Bim se si parte per le escursioni progettate , io col mi gruppo, o meglio coi miei gruppi essendoci due diversi itinerari e questi amici con Roberta e i suoi figli , verso una meta molto più lontana..confesso di essere stato tentato di seguirli, ma non credo sia giusto portare persone in montagna e poi lasciarle per seguire i miei gusti e piaceri..tra l'altro poi sandra e roberta hanno capito e mi hanno salutato con calore..credo che ci saranno ancora occasioni di camminare insieme..



Per i più timorosi e meno allenati, avevamo scelto il giro del lago Morasco, pressochè pianeggiante e molto caratteristico..sembrava di vedere certi presepi natalizi, con le pecore così ferme che sembravano batuffoli di cotone appiccicati sul prato..non parliamo poi degli scorci sull'acqua azzurra e freddissima del lago..veramente emozionanti..
per i camminatori scafati e instancabili invece avevamo scelto la salita ad una malga dove si produce un formaggio tipico e dove si può godere un panorama più ampio e gradevole sulle valli circostanti..Del resto , credo che ognuno di noi, ami, anzi adori i panorami da cartolina che ti entrano negli occhi e nel cuore e non lo lasciano più..



Come dico sempre io...e credo che ormai  sia diventata la filosofia del mio gruppo, ognuno in montagna deve trovare la dimensione e lo spazio che cerca , imparando a rispettare quello degli altri..io credo sia  importante e che sia questa la molla che fa amare i monti a sempre più persone che vengono con noi..infatti ognuno e libero, tanto che Francesca, una nuova amica, camminatrice di quelle toste, si è unita ai miei amici che dicevo prima ed ha fatto una escursione lunghissima ma a suo dire eccezionale..



Finite le varie passeggiate , ci siamo trovati quasi tutti al rifugio Bim se e questa è stata la sorpresa più piacevole della giornata.I gestori,uomini e donne, figlie fidanzati e quan'altro, sono di una gentilezza disarmante, sempre col sorriso e disponibili .forieri di una accoglienza veramente sorprendente visto i tempi che corrono e fra tutte le prelibatezze portate in tavola, ve ne voglio segnalare una in particolare..Polenta e carne buonissimi, ottimi gli antipasti ma a furore di popolo io opto per le lasagna walser..pasta verde agli spinaci, formaggio fuso, pancetta e patate..vi assicuro una delizia..



A me è sempre piaciuta l'aria sottile, le rocce, i ghiacciai, gli strapiombi gli spigoli , le placche e altre bellezze dei miei monti, però ogni tanto, in compagnia, fa bene calarsi nella cultura dei luoghi visitati..magari partendo proprio dal cibo..del resto h o visto che hanno gradito tutti il pranzo, costato tra l'altro solo 20 euro, portando molti a congratularsi e a ringraziare il giovane cuoco..veramente un mago ai fornelli..se capitate da quelle parti, una visita alla sua tavola merita veramente.. poi è anche simpatico e un bravo ragazzo..proprio il tipo adatto per la sua giovane fidanzata..Finito il pranzo, allietato  alla fine,da gustosissimi zuccherini imbevuti di genepi, ci siamo incamminati verso la cascata del Toce, anche questa da vedere tanto è bella..



Una bellezza da togliere il fiato e che ci rimarrà impressa per molto tempo..almeno a me..
Per far capire la bellezza della giornata, non per me ma per i miei tanti amici, cito due frasi che mi sono state dette.." a me non piaceva l'idea di camminare, mi annoio..invece è stato bellissimo " 
" Ma quanti posti incantevoli non avrei visto se non avessi conosciuto te ?? "
Nonostante le molte critiche che ricevo per il mio portare in montagna troppe persone, credo che queste due frasi, unite a molte altre di gioia e soddisfazione, mi possano bastare per andare avanti.



Grazie logicamente a chi si è fidato di noie permettimi solo una cosa, domenica mi sono mancati e molto, Roberto Paola e il piccolo Lorenzo, gli amici sardi che ormai considero così dei nostri da voltarmi continuamente per vedere se arrivavano..cari amici, anche con voi spero di fare tante e bellissime escursioni come quelle di questa , forse non bella ma indimenticabile estate..



P. S. tra tutti gli amici, ne prendo uno a caso per ringraziare gli altri..Giam Paolo è la mia nemesi e rompicoglioni come pochi..ma se non ci fosse occorrerebbe inventarlo..
GRAZIE DI CUORE .. a te, tutti gli amici e a Chiara,Iris e mio fratello Nino, senza di loro, ogni gita sarebbe solo un  bel sogno mai realizzato..



Emiliano...

1 commento:

  1. Io una guida così non la voglio in montagna.
    La voglio nella vita.......... anche se è poco simpatica petulante e noiosa.

    RispondiElimina

Post più popolari

ai giovani

sempre più spesso si sentono criticare i giovani,perchè sono vuoti ,leggeri e non hanno ideali..Ma noi adulti che mondo abbiamo lasciato a questi ragazzi? Le nostre lontane lotte,cosa ci hanno dato da tramandare ai giovani? Noi che allora eravamo idealisti e lottavamo per i diritti,che tipo di mondo abbiamo poi creato per chi è venuto dopo? secondo me ci siamo adagiati sulle comodità e chi è rimasto quello di quei tempi è considerato un fuori di testa