Google+ Followers

venerdì 15 maggio 2015

LA FERA DE S. BERNARDIN..

       Chiedo scusa ai miei compaesani, io parlo molto il dialetto, fin dalla nascita , però non lo so scrivere..ma ho voluto provare a mettere giù quattro parole..spero vi piacciano nonostante la mia incompetenza..     





            LA FERA DE S. BERNARDIN

finalmente l'è ruada la duminica de la fera de s. bernardin. La ghe pias no a tuti, maquei che la ghe pias l'è dal an pasà che la spetu. Tuti i tratur, i camion turadi a lustor che i paru novi, anca quei che magari i gan cinquantani, cui padron e i fiulin che su i sedil  par che i fagu la cua cume i pavon nei giardin quand i voru ciapà la femna.  Che festa, quand la cumincia sem tuti seri,specialment quand sentom mesa e i benedisu i tratur..che pò  tante volt e pret l'è trop lung... ma quasi sempor , quand l'è sira , ghem su un qual bicier  rus o bian l'è stes..anzi , bianc e rus i mandu via la tus e pusè de una volta nell'andà a ca, tanti  de num i ghe fa su la pulvor ai mur.  Lè dur el laurà nei camp e num ghem miga tante ucasion per tras un pò via e alura  se lasom anda un pò pusè  in ucasion dela nostra festa. L'è bel ved la gent cuntenta e ades meno, ma negli ani indrè, quand fevom la sfilada, spes e vulentera ghera e furment che l'era amò verd ma bel volt e gros, cume a prumet tant de chel pan da sciunfà tuti.  Cara la me madunina, dai camp quasi ogni ura, sudad ma cuntent guardi el to campanin che el par invitag a guardà el ciel per es pusè cuntenti, ma ti te se anca l'ultima cesa, l'ultima Madona che saluda i mort prima da rivà al cimiterie alura ogni tant   , anca in co che l'è festa, te guardi e disi una preghiera per mi e per la me famiglia e i me amis..stam arent sempor e regalom gioie cume quela de in co, che sem in tanti a dit grasie pe tute le volt che el laurà, la vita l'è andai ben..ciau s. bernardin, ciau fera, sevedom amò l'an che vegn..ogni tant da là in volt guarda su e desmentegot no de mi e de tuti i to fioi che in co, ien vegnudi a fa festa per ti..




emiliano..

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari

ai giovani

sempre più spesso si sentono criticare i giovani,perchè sono vuoti ,leggeri e non hanno ideali..Ma noi adulti che mondo abbiamo lasciato a questi ragazzi? Le nostre lontane lotte,cosa ci hanno dato da tramandare ai giovani? Noi che allora eravamo idealisti e lottavamo per i diritti,che tipo di mondo abbiamo poi creato per chi è venuto dopo? secondo me ci siamo adagiati sulle comodità e chi è rimasto quello di quei tempi è considerato un fuori di testa