Google+ Followers

mercoledì 19 giugno 2013

QUALCHE RIFLESSIONE SUI MIEI DUE GIORNI AL MARE...

Per i due giorni al mare, in quel di Riccione, con la mia famiglia, abbiamo scelto di usare il treno che nonostante sia da qualcuno scartato, ci ha riservato emozioni bellissime..
Erano anni che non avevo più occasione di viaggiare in ferrovia , ma il freccia bianca mi ha piacevolmente sorpreso..A parte che l'Italia, il mio paese, è anche bella dove non ci sono monti o mare, dal finestrino del vagone ho contemplato  piacevolmente stupito, l'opera dell'uomo che in campagna riesce a far crescere di che sfamare  l'uomo..Bellissimo osservare il giallo del frumento quasi maturo, il bianco del fiori delle patate  o altre tipi di coltura che poi magari mi ritrovo, fresca e buona sulla mia tavola...E che bello arrivare nelle città che mi ricordano ognuna un particolare piacevole oppure un ricordo triste o anche felice..
Parma, la città per me simbolo del buon cibo ..ricordo anni indietro quando la sua fiera gastronomica era una delle mie mete preferite..Reggio Emilia, la città del tricolore, che non avrà senso per molti, ma che io mi tengo stretto vicino alla mia anima...Modena, che mi fa pensare alle belle donne emiliane, calde espansive e simpatiche...Bologna, coi ricordi tristi della follia di qualche uomo ignobile, ma anche col ricordo della prima ragazza che mi ha fatto seriamente innamorare...Imola, coi bolidi sfreccianti e la sete di vittorie di questi eroi matti e il ricordo di due di loro che hanno smesso , anni fa, proprio qui di vivere..

Cesena , che comincia a farmi sognare il mare e mi ricorda la mia Inter che da ragazzino vidi , in una calda estate, in una partita ..forse di coppa Italia...Forlì, una città che ho da poco nel cuore , ma che non ne uscirà piu', con la sua gente garbata e con quella parlata tipica e simpaticamente geniale che solo in romagna sanno fare...e finalmente Rimini, che avrà un mare che non è bello..( lo dicono in molti ma io trovo sempre moltissima gente ) ma che a mi piace moltissimo , con la sua atmosfera godereccia e ludica, con la sua costa dove si può trovare ogni cosa e ogni lingua, con i suoi ricordi che tornano ogni inverno a deliziarti la mente e il cuore...

così arrivo al mare, prendo il bus per Riccione e coi miei figli faccio una corsa a chi tocca l'acqua per primo
come se questa frescura , questa distesa azzurra, possa lenire un poco il dolore e le preoccupazioni di questi ultimi tempi  e mi possa regalare gioie infinite..
Io amo la montagna, però davanti alla grandezza del mare, il cuore mi si apre 
e dentro di me , la gioia si insinua in tutti i pori fino ad arrivare al centro più vero della mia anima per darle un poco di vera e sempre ricercata pace ..pace che per preziosi e infiniti attimi, mi aiuterà a vivere..

Emiliano

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari

ai giovani

sempre più spesso si sentono criticare i giovani,perchè sono vuoti ,leggeri e non hanno ideali..Ma noi adulti che mondo abbiamo lasciato a questi ragazzi? Le nostre lontane lotte,cosa ci hanno dato da tramandare ai giovani? Noi che allora eravamo idealisti e lottavamo per i diritti,che tipo di mondo abbiamo poi creato per chi è venuto dopo? secondo me ci siamo adagiati sulle comodità e chi è rimasto quello di quei tempi è considerato un fuori di testa