Google+ Followers

lunedì 21 aprile 2014

LA NOSTRA PROSSIMA GITA..secondo giorno di escursione..CIMA CASTELLAZ COL CRISTO PENSANTE...


ci eravamo lasciati con la cena a lume di candela e la, spero, soddisfazione di una cima sopra il rifugio Contrin....tra l'altro , per chi non è arrivato in cima coi più matti,ci sarà senz'altro il ricordo piacevole delle  cose fantastiche ammirate in questa escursione, la bellezza della val Contrin , tipica valle a formazione glaciale, dolce al centro , come pendenza , per poi precipitare all'inizio in pendii molto ripidi e innalzarsi verso la fine con ghiaioni di una pendenza notevole intervallata da pareti verticali e levigate dalle intemperie del tempo e dal lavoro lento e metodico della natura...
Tra l'altro, sopra il rifugio c'è anche una bella cappelletta a ricordare chi dalla montagna, vuoi per guerra , vuoi per troppo voglia di vivere, non è tornato più..Credo ..e spero che ognuno di noi saprà fermarsi un attimo a mandare un pensiero a questi nostri amici che ammirano  questi possenti panorami da un'altro punto di vista...



Ecco, nella prima giornata di escursione , io spero che ognuno porti a casa , con sè, e custodisca gelosamente , il ricordo , forse triste , forse amaro ma sempre struggente e bello, di luoghi che ti portano col cuore e col pensiero, a guardare per un prezioso e infinito attimo, un poco o anche molto, sopra la nostra povera e limitata mente..
Comunque dopo cena si va  a nanna e, sperando di dormire , si attende l'alba della domenica..Sul fatto di dormire ho qualche problema, l'anno scorso, alle tre di notte, con un amico insonne come me, ero in giro per Pozza , perchè Morfeo non mi voleva tra le sue braccia..p.s. Morfeo non è il mio amico, lui è Davide..Morfeo era il dio del sonno..forse sarà per l'agitazione, l'ansia da prestazione in montagna , il fatto è che nelle gite io non dormo mai o malissimo..due anni fa ero seduto sul marciapiede davanti all'albergo alle 4,30 per aspettare l'alba ...il sole poi sarebbe sorto ben più di due ore dopo ma continuavo a rigirarmi nel letto e allora che senso ha guardare il soffitto..meglio guardare nel buio le mie cime che si illuminano..


Comunque colazione e poi col pulman si parte verso Predazzo e passo Rolle dove le pale di S. Martino fanno da splendida corona a questi altri bellissimi luoghi..
Credo che la visione del Cimon della Pala , il mitico Cervino delle dolomiti, sia uno degli scorci più famosi di queste montagne uniche ed entusiasmanti..
Credo che a me scapperà uno sguardo, forse anche più di uno , verso il Mulaz, cima bellissima della cui vetta l'estate scorsa ho avuto la fortuna di pestare i sassi e la terra con mio figlio Sebastiano..

Con un bus navetta in circa 15 minuti ci portiamo alla baita Segantini e iniziamo il sentiero che in circa un'ora ci porterà in cima alla nostra montagna ..cima Castellaccio , meta odierna del nostro girovagare..


 






Spero che ognuno in questo ennesimo sogno sappia trovare quello che cerca in montagna, attimi di bellezza infinita e di pace del cuore a contatto con questa grande e bellissima natura..e credo che in cima, intorno ai simboli della nostra comune fede, non potrà' mancare un pensiero e una preghiera per rinsaldare i nostri legami di amicizia e la nostra voglia di stare insieme, col vento e la bellezza dei luoghi a fare da testimone ad un altro sogno che grazie a voi , miei immeritati ma grandi amici, ho potuto realizzare e forse far realizzare a ognuno di voi...

Emiliano...

2 commenti:

  1. come sempre bellissimoooooooooooooooo!!!

    RispondiElimina
  2. Aspetto con ansia che la dolce brezza di questi luoghi stupendi mi porti via...

    RispondiElimina

Post più popolari

ai giovani

sempre più spesso si sentono criticare i giovani,perchè sono vuoti ,leggeri e non hanno ideali..Ma noi adulti che mondo abbiamo lasciato a questi ragazzi? Le nostre lontane lotte,cosa ci hanno dato da tramandare ai giovani? Noi che allora eravamo idealisti e lottavamo per i diritti,che tipo di mondo abbiamo poi creato per chi è venuto dopo? secondo me ci siamo adagiati sulle comodità e chi è rimasto quello di quei tempi è considerato un fuori di testa