Google+ Followers

venerdì 20 febbraio 2015

ANCORA STRUGGENTI RICORDI, PER UN' ANIMA LACERATA...LA MIA..


In questa foto, ti ho preso di spalle, siamo quasi arrivati al rifugio Pertini e tu mi precedi, commentandomi ogni volta la bellezza dei panorami.  Guardando  questa immagine mi commuovo, però mi piace pensare che tu non sia andato via per sempre, anche se è tristemente così, ma che mi precedi su un sentiero, difficile, impervio ma bellissimo e che conduce ad una meta, un rifugio dove ci troveremo tutti e tutti potremmo riposarci ed assaporare la bellezza del panorama e della vita vissuta...nonostante tutto..


Forse saranno gli occhi ancora pieni di lacrime, ma anche qua, che con la mano indichi i Denti di Terrarossa, bellissime montagne che sembrano alzare la loro magnificenza verso il cielo, il mio cuore mi induce a credere che tu voglia farmi capire che nella vita ciò che conta è la bellezza del mondo, con tutti i sogni che si porta assieme..


Nessuno sapeva o immaginava la lotta che portavi dentro e che ti ha sconfitto, per cui, nel mio cuore, nel mio animo affranto, conservo questa immagine di persona felice , come ultima della tua vita..perchè in quel paradiso eri veramente felice e le brutture della vita lontane.  Io ti ricordo così e voglio pensare che dove sei ora , tu abbia stampata sul viso, la gioia che quel giorno ho saputo regalarti e che hai veramente goduto. Non so se ci sono montagne dove ora tu sei, ma sui monti che salirò io, nel mio cuore avrò sempre la tua immagine e sarà come averti con me, che cammini con passo deciso e spedito verso la vetta più bella..

Emiliano..

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari

ai giovani

sempre più spesso si sentono criticare i giovani,perchè sono vuoti ,leggeri e non hanno ideali..Ma noi adulti che mondo abbiamo lasciato a questi ragazzi? Le nostre lontane lotte,cosa ci hanno dato da tramandare ai giovani? Noi che allora eravamo idealisti e lottavamo per i diritti,che tipo di mondo abbiamo poi creato per chi è venuto dopo? secondo me ci siamo adagiati sulle comodità e chi è rimasto quello di quei tempi è considerato un fuori di testa