Google+ Followers

venerdì 5 aprile 2013

IN RICORDO DELLA MIA MAESTRA....cosa sarei oggi , se non ci fosse stata lei???

sono passati molti anni , un'eternità, ma mi ricordo come fosse ieri , l'ultimo anno di asilo e la visita alla scuola che l'anno dopo avrei frequentato..
Vedevo i bambini , un pò più grandi di me, chini e pensierosi su pagine con segni strani e con i mano matite , fare simboli per me assurdi...e avendo capito che stavano leggendo e scrivendo, mi ero messo in testa che io non avrei mai imparato, troppo difficile...
Poi ho conosciuto te, mia prima e mai dimenticata maestra  e il mondo, il mio mondo è cambiato ed ha preso colore e sapore...
Tu , mi hai aperto lo scrigno della conoscenza e della sapienza, della curiosità di capire, della voglia di imparare cose che , probabilmente neanche lamia mamma e il mio papà conoscevano...
Forse , a modo mio e con grande rispetto, sei stata la prima donna a farmi innamorare, anche se poi avrei capito che innamorarsi è un'altra cosa...Adesso dicono che una volta eravate sole con molti bambini che imparavano ugualmente, ma per noi , la maestra , un pò come il prete o la suora, erano persone da tenere in grande rispetto e considerazione , per cui tutto quello che dicevi era ,per noi bambini, oro colato...e poi non c'erano ancora i genitori che ne sapevano  di più degli insegnanti...
Ricordo le tue spiegazioni di storia, che erano così belle e coinvolgenti , da farmi essere ogni volta , al capitolo avanti quello che spiegavi...forse deriva da quello il mio amore per Roma e Venezia...le due città, per me molto provinciale, più belle del mondo...
ti  ricordo , ogni volta che ci passo verso le mie amate dolomiti, la torre della battaglia a S. Martino, solenne ed eterno tributo ai vincitori di una cruenta battaglia in una guerra d'indipendenza, con te che ci spiegavi le varie fasi dello scontro,e, con occhi sognanti ci facevi ammirare la fertile terra sotto di noi che in lontananza si confondeva con la linea azzurra del lago...
Mi hai sempre raccomandato di scrivere le mie emozioni e di diventare ordinato e almeno la metà di questi tuoi desideri si è avverata...
Poi , con in mano la chiave per vivere che mi hai dato tu e che non è altro la curiosità di conoscere, sono cresciuto e i nostri incontri sono diventati più rari, anche se sempre benefici per il mio animo, sempre più grato del tuo insegnamento...
Un pomeriggio di maggio , ancora vivido e tragico per me , il buon Dio, forse per insegnare l'alfabeto agli angeli, ti ha chiamato a sè, nonostante tu lasciassi nel dolore parenti e amici , oltre dei figli ancora piccoli...
Adesso, ogni volta che passo dal luogo del tuo riposo, guardo la tua foto e struggente come una lama che penetra le carni, mi assale la malinconia delle persone e delle cose perse...e però ringrazio il Signore che mi ha regalato la fortuna di fare qualche passo della mia vita insieme a te....Ciao e Arrivederci, se da lassù mi vedi un pò affranto , aiutami a ritrovare , grazie a tuo dolce ricordo, i sorrisi che ti facevano spesso aprire l'anima e il cuore alla bellezza di una vita passata a trasmettere la sete bellissima del sapere...

Emiliano...

2 commenti:

  1. bellissima...grazie :)

    RispondiElimina
  2. per una Maestra stupenda ............................. una bellissima dedica bravo Emiliano
    Ciao Sandra

    RispondiElimina

Post più popolari

ai giovani

sempre più spesso si sentono criticare i giovani,perchè sono vuoti ,leggeri e non hanno ideali..Ma noi adulti che mondo abbiamo lasciato a questi ragazzi? Le nostre lontane lotte,cosa ci hanno dato da tramandare ai giovani? Noi che allora eravamo idealisti e lottavamo per i diritti,che tipo di mondo abbiamo poi creato per chi è venuto dopo? secondo me ci siamo adagiati sulle comodità e chi è rimasto quello di quei tempi è considerato un fuori di testa