Google+ Followers

domenica 23 novembre 2014

MA, DICENDOLA TUTTA, COSA CERCO E TROVO DAVVERO IN MONTAGNA ???




ho già ammesso, candidamente e con molto dispiacere, di andare poco ultimamente in montagna e comunque , affermo con sicurezza che, quando ci vado mi diverto sempre e mi tolgo molte soddisfazioni..
A volte però mi capita di pensare il perchè , nella mia vita le cime abbiano avuto un ruolo così importante, cosa cercavo e cosa ho trovato nel mio salire.. e di rimando cosa ho perso della vita di tutti i giorni, quella di moda che ti fa scegliere il mare in estate e la montagna in inverno..??
Molti dicono che in montagna è bello il panorama..Vero , però io mi ricordo molte salite dove per la nebbia o per la pioggia , non si vedeva ad un palmo del naso..ad esempio la mia prima salita a cima 11 sopra Pozza di Fassa si è svolta interamente sotto il diluvio e in cima quasi non distinguevo la storica stele con la madonnina..


Però ciò non toglie che abbia goduto, dalle mie cime o semplicemente dai sentieri, di vedute indimenticabili, addirittura su qualche cima ho pianto dall'emozione, vedi su cima Mulaz, nelle Pale di S. Martino ,

 oppure sul Palon de Resy in val d'Ayas...


o su molte altre, forse per la bellezza o forse per il troppo aspettare il realizzarsi un sogno..Sulla Delago,nelle splendide torri del Vaiolet, dopo aver salito lo spigolo, non ho pianto solo  perchè mi aspettava ancora una discesa non proprio scevra da pericoli



 e uguale dalla Tofana di Rosez dopo aver salito la poderosa parete sud, per citare due salite a me molto care..




Molti dicono per l'amicizia in montagna che è sempre un pò speciale,Vero anche questo, io in montagna ho conosciuto persone eccezionali, Tra l'altro , quest'anno ho avuto la fortuna , il privilegio di conoscere di persona amici coi quali chattavo soltanto e devo dire che la cosa mi ha piacevolmente sorpreso..Giovanna la conoscevo da un pò, tipica donna forte di montagna , spesso si unisce a noi nelle uscite in dolomiti e devo dire che va come una scheggia, oltre ad essere affabile e di compagnia, nel mio gruppo , quando non c'è , chiedono tutti di lei..



Roberta è stata una scoperta bellissima, lei e i suoi figli Raphael e Floriano, la Filo Robi sul web è mitica, dal vivo è ancora meglio, vivace, profonda intelligente , attenta e sensibile, auguro a tutti di provare una volta a guardarle gli occhi, quando, magari anche grazie a te , realizza un sogno..





Roberto ..su Roberto potrei scrivere un libro, e anche sulla sua bellissima famiglia, già il fatto che da Cagliari , tre persone vengano in Dolomiti, anche solo per tre giorni, per la loro bellezza , ma anche per condividere con te in particolare qualche emozione, è cosa da amici veri,..se poi aggiungi che lui , sua moglie Paola e il loro figlio , il mitico Lorenzo, quando sono con te , colorano il tuo tempo, capisci la nostalgia che ho di loro in questi lunghi mesi e mancano per ritrovarsi ancora..lo spero, il prossimo anno..



In val Formazza a settembre ho conosciuto Sandra di Genova , col marito Franco, ci siamo visti poco, perchè lei a differenza mia in montagna cammina, mentre io per volere del gruppo ho dovuto mettere le gambe sotto al tavolo al rifugio, però mi è rimasta la voglia di incrociare gli scarponi sui bei sentieri delle nostre montagne con questa splendida ed affabile coppia..

E aspetto di conoscere altri amici e amiche, Barbara  con la quale vorrei  fare l'itinerario delle gallerie  del Pasubio, Marco di Imola, grande rocciatore e amante della montagna, anche se lo conosco non ho ancora avuto la fortuna di salire cime insieme..o con Marcellino, un grande uomo e mitico runner , che è venuto a trovarmi a  Pozza con la sua famiglia  e che mi ha stupito per la sua gentilezza e umiltà, spero di poter fare salite anche con lui un giorno..


Grazie anche a chi non ho citato e involontariamente ho dimenticato di citare, specialmente chi, in montagna con me ci viene sempre..voi avete un ricordo e un posto speciale nel mio cuore, sempre..






QUANTE COSE VORREI FARE UN GIORNO..MA DOVRO'  MORIRE PRIMA O POI ..O NO ???

 Comunque in montagna  ho conosciuto anche tanti coglioni , ma preferisco non parlarne perchè il mio cuore sanguina ancora..per cui non ne vale la pena ...
 credo che io in montagna non ci vada neanche per le persone.che ho incontrato , anche se molte ancora oggi mi aiutano a vivere.Forse a pensarci bene, il mio gusto della montagna è stato , è  e sarà  il fatto di mettermi in gioco,di provare nella vita che non è la comodità il fine unico della vita, che la ricchezza tanto  idolatrata , forse più che gioia, regala delusione..che  anche le cose che sembrano senza senso o banali, 

un 'alba tremula e affascinante nella sua promessa di un buon e felice giorno, 


 un tramonto,  dove guardando il sole che va a riposare si possa esaminare il bene fatto nella giornata, con calma, con l'armonia con tutto il mondo,una cima conquistata con fatica e rischio, sogno di molte notti, diventato piacevole e invidiabile ricordo..

Forse neanche io so perchè vado e amo la montagna, so solo che ormai fa parte coi suoi ricordi, coi miei sogni, del mio vivere in tutti questi anni, ricchi di gioia e soddisfazione..Io credo che avesse ragione Mallory, quando gli chiedevano il motivo per cui volesse scalare l'Everest rispondeva .."perchè è là " poi ci è rimasto per sempre su quella montagna immensa ve allora inviolabile, però ha sempre seguito il suo grande sogno..
Credo sia questo il segreto, le montagne ci piacciono, ci regalano la vita di colori sempre diversi, perchè ci sono ..e sono molto belle..


Emiliano...

1 commento:

  1. caro emiliano, non farti tante domande.. la montagna è questo. .tutto quello che hai scritto... ma è vero la gente che ama la montagna è semplice e genuina.. ecco perche si istaurano dei rapporti di amicizia forti, come le montagne..Giovanna..

    RispondiElimina

Post più popolari

ai giovani

sempre più spesso si sentono criticare i giovani,perchè sono vuoti ,leggeri e non hanno ideali..Ma noi adulti che mondo abbiamo lasciato a questi ragazzi? Le nostre lontane lotte,cosa ci hanno dato da tramandare ai giovani? Noi che allora eravamo idealisti e lottavamo per i diritti,che tipo di mondo abbiamo poi creato per chi è venuto dopo? secondo me ci siamo adagiati sulle comodità e chi è rimasto quello di quei tempi è considerato un fuori di testa