Google+ Followers

sabato 14 marzo 2015

LA NOSTRA PROSSIMA GITA DI GIUGNO...siamo quasi pronti..

Come ogni anno, stiamo preparando la gita di giugno e come sempre vi faccio partecipi delle nostre ambite mete..Ma prima vorrei fare qualche chiarimento sul nostro andare in montagna. Non non siamo alternativi al CAI , il club alpino, anzi, quelli di noi che hanno cullato un pò di più la passione, come cosa logica hanno fatto la tessera
(io sono tesserato ormai da più di 20 anni )..noi siamo un gruppo di amici che ama far crescere l'amicizia camminando un poco in luoghi meravigliosi e chi viene con noi sa che è libero di fare ciò che più ama, camminare tantissimo oppure fermarsi anche solo al rifugio per una meritata birra, per noi contano la passione, la voglia di stare bene insieme e il rispetto della natura..e comunque ogni anno il gruppo si arricchisce di nuove e preziosissime persone..


Un'altra cosa non meno importante..io ci metto la faccia, scelgo gli itinerari , però che fanno tutto e anche ottimamente , sono mio fratello Nino, sua moglie , mia cognata Iris e la loro figlia Chiara, che curano ogni particolare in modo certosino rendendo ogni escursione un evento..per cui io dico sempre..se tutto va bene merito loro, per eventuali pecche la colpa è mia..ed è verissimo..senza di loro non ci sarebbe nessuna gita..grazie a loro, alla loro disponibilità si è creato il gruppo..io infatti sono un pò scorbutico..



Anche la location del posto dove andiamo contribuisce alla buona riuscita della gita , noi organizziamo al meglio , ma senza la cordialità, la gentilezza , l'ospitalità dell'hotel cima 11 a Pozza di Fassa, con le donne eccezionali, la Claudia, la Gemma e la Federica che col loro sorriso sanno far risplendere perfino le pareti dolomitiche, è un gioco da ragazzi accontentare le persone..quando un posto è meraviglioso e l'accoglienza calda e accogliente , a noi non resta che goderci le escursioni per poi essere trattati da principi da queste ineguagliabili signore, legate giustamente alla loro terra, alle loro tradizioni, ma cordiali e veramente gentili e disponibili a rendere il nostro soggiorno indimenticabile..




Per questa gita..che si terrà il 19 20 21 giugno , voglio anche ringraziare Giovanna di Bolzano che mi ha suggerito la prima escursione..una domenica di dicembre, visitando i mercatini di Bolzano, con mia moglie sono stato suo ospite a pranzo ..( canederli eccezionali e spezzatino per mia moglie , il migliore mai mangiato )  e nel parlare le ho fatto notare come mi piacerebbe vedere le torri del Vaiolet , col suo spigolo Delago da sotto, con sopra la testa quello spigolo aereo ed infinito verso il cielo, ma che è troppo difficile per portarci i miei amici..lei invece mi ha consigliato la malga Costa sopra il passo Nigra e questa sarà la prima escursione..finalmente ammirerò da sotto quella via che ho avuto la fortuna di fare moltissimi anni fa..


L'unica nota stonata della prossima gita è che la nostra fama ci ha preceduto e ormai il pulman è strapieno, per cui in molti non saranno contenti, ma essendo in 4 a prendere le iscrizioni abbiamo toppato un pò..vabbè per chi non riesce sarà per l'anno prossimo "a Dio piacendo."
Intanto ecco i luoghi in foto, poi più avanti spiegherò gli itinerari..

Malga Costa..il venerdì 19

Rifugio Tires..per la val Duron il sabato
i laghetti di Colbricon..la domenica

Lo stile è il solito, amicizia , condivisione, risate e quant'altro e chi vuole unirsi al gruppo per camminare può farlo tranquillamente , chi si unisce con noi, poi dice che gli sembra di conoscerci da sempre..per cui venite c'è posto,basta avere voglia di stupirsi davanti alle bellezze della natura..


Non sono camminate dure , ma ognuno avrà i suoi problemi, le sue fatiche e io ne ho sempre uno pesantissimo ..ma no problem..MI PRENDO UN ATLANTE.. e spero che , come al solito , i luoghi e le persone siano di vostro gradimento..anche se non ho dubbi..a parte me , sono tutti molto simpatici..

Emiliano..

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari

ai giovani

sempre più spesso si sentono criticare i giovani,perchè sono vuoti ,leggeri e non hanno ideali..Ma noi adulti che mondo abbiamo lasciato a questi ragazzi? Le nostre lontane lotte,cosa ci hanno dato da tramandare ai giovani? Noi che allora eravamo idealisti e lottavamo per i diritti,che tipo di mondo abbiamo poi creato per chi è venuto dopo? secondo me ci siamo adagiati sulle comodità e chi è rimasto quello di quei tempi è considerato un fuori di testa