Google+ Followers

domenica 24 novembre 2013

IL SENSO DELLE PAROLE..

se ti capita di sentirti un pò giù di morale,

non continuare con i pensieri cupi

,ma guarda in alto ,

verso l'azzurro del cielo 

e prova ad immaginarti in riva al mare

 cullato dal fruscio delle onde




oppure su qualche bella cima 

col sole che davanti a te saluta il mondo 

per il riposo della notte.

..Vedrai che il mondo e la vita

 anche se sembrano difficili e cupe ,

assumeranno un colore diverso.... 


belle queste mie parole..ma quante ne dico e scrivo??? 

 E quante sono davvero sentite e vere..


Quante parole inutili e magari dannose ,

fanno parte del mio vivere..

ma hanno un senso 

o sono futili come certi giorni della mia vita??

Spesso , guardando al mio vivere e parlare,

mi viene un'immagine frequente in questi 

giorni di inizio freddo invernale..


Il mio parlare , spesso, mi sembra 

come le foglie che cadono, 

danno colore, sono belle a vedersi, 

ma poi a cosa servono???

e non e' poi così facile toglierle

dopo che sono cadute...

Quando dico, a chi mi è vicino,

ti voglio bene, sono sincero

e credo in quello che dico,

oppure cerco solo il mio di bene ???

Tempo fa, ad una persona che ho amato 

tantissimo, nel salutarlo la sera , 

ho detto, CIAO, CI VEDIAMO DOMANI

ansioso di andare a casa dopo ore 

interminabili in ospedale..

Il domani lo sto ancora aspettando , 

se solo avessi saputo, 

se solo avessi immaginato,

...forse mi sarei fermato a parlare

tutta la notte e allora si 

che le mie parole 

avrebbero avuto un senso

vero ed indimenticabile..

invece adesso vivo di ricordi e rimorsi,

per le parole non dette, 

i gesti non compiuti, 

con un sacco di inutili e vuote parole

che non possono e potranno 

mai farmi ritornare indietro nel tempo

per capire..per amare meglio...

Un pò come le foglie morte

belle da vedere, ma inutili..

come certi giorni di questa strana 

ma sempre bella vita...


Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari

ai giovani

sempre più spesso si sentono criticare i giovani,perchè sono vuoti ,leggeri e non hanno ideali..Ma noi adulti che mondo abbiamo lasciato a questi ragazzi? Le nostre lontane lotte,cosa ci hanno dato da tramandare ai giovani? Noi che allora eravamo idealisti e lottavamo per i diritti,che tipo di mondo abbiamo poi creato per chi è venuto dopo? secondo me ci siamo adagiati sulle comodità e chi è rimasto quello di quei tempi è considerato un fuori di testa