Google+ Followers

giovedì 21 agosto 2014

OGNI TANTO DEVO GUARDARMI DENTRO..PER CAPIRE IL MONDO FUORI




lo specchio è impietoso,... le varie e nuove rughe che mi segnano il viso,non sono le mie smorfie ,ma insieme ai capelli ,sempre più ingrigiti,un segno del tempo che passa...inesorabile..Posso ancora sognare montagne incantate o salite al limite del possibile, però sono sempre meno i sogni che realizzo e di più quelli che cadono nell'oblio e che , come una leggera brezza primaverile, non lasciano  un segno sul mio camminare sugli intricati percorsi della vita..A  parte che me ne frego del tempo che passa, //ciò che conta è vivere pienamente e non avere rimorsi  per come si  era , ma immaginare  come si sarà,//perchè è nella logica delle cose invecchiare,ciò che conta per me è il vissuto che piano piano ha forgiato il mio essere uomo  che si crede libero, in un mondo di persone che invece di vivere o almeno di cercare di farlo vegetano. Del resto è l'intera società che non tollera troppo i sogni, fin da piccoli ci insegnano ad essere concreti e produttivi e poi impariamo, spesso a nostre spese che è difficile vivere solo di sogni..
Per quello che sono male o bene che sia ,devo ringraziare il mio carattere testardo allenato da fatiche e privazioni in montagna e nella vita in genere , ancora oggi, quando vado a correre cerco sempre di arrivare al massimo , fino a stare quasi male ,perchè nonostante abbia perso molte battaglie nella mia vita,non ho mai rinunciato alle mie idee ,anche quando erano contro la volontà della maggioranza delle persone vicine a me..scelte che poi ho sempre pagato..io dico sempre che la mia faccia non sarà bella però è una e che piaccia o no io non la cambio..E' per questo che sono molto legato agli amici che condividono con me i sogni di montagna e mi sopportano ..non si rendono conto di come siano preziosi per il mio vivere...E' questo che mi preme dire ,un grazie grandioso e riconoscente a chi ,amico vecchio o nuovo,mi ha accettato per quello che sono ,un innamorato della vita e delle montagne...a cui, nonostante la rabbia repressa di molti, piace scrivere..

Emiliano..


Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari

ai giovani

sempre più spesso si sentono criticare i giovani,perchè sono vuoti ,leggeri e non hanno ideali..Ma noi adulti che mondo abbiamo lasciato a questi ragazzi? Le nostre lontane lotte,cosa ci hanno dato da tramandare ai giovani? Noi che allora eravamo idealisti e lottavamo per i diritti,che tipo di mondo abbiamo poi creato per chi è venuto dopo? secondo me ci siamo adagiati sulle comodità e chi è rimasto quello di quei tempi è considerato un fuori di testa