Google+ Followers

lunedì 18 ottobre 2010

A CHI MI HA SAPUTO E VOLUTO CAPIRE


molti crederanno che io vada per le montagne per stare lontano da te,che ti lascio troppo sola,che anche in vacanza ti ignoro e ...... fantasie varie..
Ma che ne sanno di quello che penso quando sono impegnato in una bella salita e cerco di riuscire il meglio possibile..di come sono felice al ritorno da questo mio sogno e con la mia gioia illumino anche le persone che mi stanno intorno..?
Cosa ne sanno dell'anello che porto al dito ,che tu ,quel giorno,infilandolo ,è come abbia messo in me una parte di te,che mi segue sempre con trepidazione..
Come credono che riusciamo ,dopo tanti anni ,ad essere ancora attirati uno dall'altra..?
Pensa come è strana la vita,quando ti ho conosciuta ,oltre alla tua simpatia mi aveva colpito,sembrerà strano ma è così,il tuo sedere che per me era bellissimo,ma da allora quante altre cose adoro di te e sopratutto in te..
Non hai mai cercato di togliermi la montagna e questa è stata una delle cose che mi piacciono di più di te...
Certo se mi avessi chiesto di smettere di andare in montagna e di sognare ,a malincuore,però l'avrei fatto ,perchè tutto,anche la cima più bella ,senza te non ha senso..
Siamo cresciuti insieme ,sorrengendoci uno con l'altro e se nella nostra vita ci sono state molte nuvole,il sole poi è sempre tornato splendente come prima ,o forse più di prima..
Quando ascolto i tuoi passi che arrivano per venirmi vicino,il mio cuore perde qualche colpo,perchè ancora stento a credere a tanta fortuna...tu mi hai saputo capire e riempire la vita e stai sicura che ,anche se qualche volta ti sono lontano per inseguire un sogno,è come se ti avessi sempre vicino perchè sei sempre il primo e il più bello dei miei pensieri...
EMILIANO

3 commenti:

  1. Che bellissima dichiarazione d'amore!!!

    RispondiElimina
  2. rifugio san bernardo20 ottobre 2010 10:47

    che moglie fortunata!!!

    RispondiElimina
  3. che belle parole .....giovanna

    RispondiElimina

Post più popolari

ai giovani

sempre più spesso si sentono criticare i giovani,perchè sono vuoti ,leggeri e non hanno ideali..Ma noi adulti che mondo abbiamo lasciato a questi ragazzi? Le nostre lontane lotte,cosa ci hanno dato da tramandare ai giovani? Noi che allora eravamo idealisti e lottavamo per i diritti,che tipo di mondo abbiamo poi creato per chi è venuto dopo? secondo me ci siamo adagiati sulle comodità e chi è rimasto quello di quei tempi è considerato un fuori di testa