Google+ Followers

mercoledì 30 luglio 2014

UNA BELLA INTERVISTA..MOLTO VERA E SIGNIFICATIVA..


Questa è un'intervista tratta dalla rivista del cai  ..montagne 360..chi risponde è Oreste Forno, alpinista  e scrittore..sono parole che trovo molto vicine a quello che penso io sulla gioia di salir montagne..
LEI A CASTEL FIRMIANO, HA PARLATO DEL PIACERE DI UNA MONTAGNA DIVERSA..QUAL'E' QUESTA MONTAGNA ???

E' quella che ti conquista con la bellezza dell'ambiente, con le emozioni portate da un tramonto, da una notte stellata, da un'alba.
Da un'animale libero, da un'aquila che volteggia tra le cime, da un fiore incontrato sul cammino.
E' quella della fatica che rafforza il tuo corpo e la tua mente, quella che ti toglie i crucci della vita a fondovalle, quella del vento che sibila tra le rocce,
del silenzio delle cime che ti porta a guardarti dentro e magari ad alzare lo sguardo verso il cielo.
E' quella che fa nascere l'amicizia.
Quella che ti fa vivere e non morire.>

( Oreste Forno ) 
Cosa dire ???, in quattro frasi l'autore ha  spiegato i miei quarant'anni di montagna, di passione a volte anche bruciante,di amicizie nate rinsaldate ..anche alcune purtroppo finite..perchè non tutti vediamo i monti allo stesso modo..
Comunque parole che sottoscrivo pienamente..specialmente quelle verso la fine..E' quella che fa nascere l'amicizia..spero che molti come me, che magari si accompagnano con me sui sentieri, si trovino, come me, in queste bellissime parole..


Emiliano..


Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari

ai giovani

sempre più spesso si sentono criticare i giovani,perchè sono vuoti ,leggeri e non hanno ideali..Ma noi adulti che mondo abbiamo lasciato a questi ragazzi? Le nostre lontane lotte,cosa ci hanno dato da tramandare ai giovani? Noi che allora eravamo idealisti e lottavamo per i diritti,che tipo di mondo abbiamo poi creato per chi è venuto dopo? secondo me ci siamo adagiati sulle comodità e chi è rimasto quello di quei tempi è considerato un fuori di testa