Google+ Followers

sabato 10 luglio 2010

mi capita spesso di pensare a questa mia vita,che,per molti all'apparenza può sembrare noiosa e monotona ma per me è pur nella sua ripetività,anche fonte di molte soddisfazioni..
mi è capitato anche in montagna,sopratutto in montagna,di salire molte volte una stessa cima ,ma stranamente ogni volta è diversa dalle altre,vuoi per la luce,che non è sempre uguale,vuoi per il mio spirito che qualche volta è pigro ,ma è molto spesso animato da propositi pazzeschi..(quando salgo e vedo qualcuno sopra di me ,scatta una molla interna che mi fa accellerare fino a raggiungerlo,e il bello è che molte volte riesco )
INSOMMA TUTTO QUESTO PER FARTI CAPIRE CHE IN OGNI COSA CHE FACCIAMO CHE CONTANO SONO LE MOTIVAZIONI E IL CUORE..
Io farò una vita monotona ma non smetto e non smetterò MAI DI SOGNATE specialmente sulle mie mai abbastanza amate montagne

1 commento:

  1. Leggendoti..mi viene in mente la ripetizione di una preghiera,di un mantra...
    Forse perchè credo che, l'uomo che sa e sente,comprende che,tutto nella Vita si trasforma incessantemente, così come la luce porta con sè l'ombra in maniera sempre differente..e ogni cosa cambia, dentro e fuori, in ogni istante.
    Un tempo qualcuno per me importante mi ha insegnato che l'uomo quando vuole sperimentare qualcosa "di senso " deve poterlo ripetere almeno tre volte affinchè lo possa Ricordare, Rammentare e Rimembrare. Così, lo comprende nel cuore, nella mente fino negli arti dove lo vive fin nella volontà del Fare in maniera completa e reale.Grazie per Questa luce di stella fissa.
    Salutone. Filo.

    RispondiElimina

Post più popolari

ai giovani

sempre più spesso si sentono criticare i giovani,perchè sono vuoti ,leggeri e non hanno ideali..Ma noi adulti che mondo abbiamo lasciato a questi ragazzi? Le nostre lontane lotte,cosa ci hanno dato da tramandare ai giovani? Noi che allora eravamo idealisti e lottavamo per i diritti,che tipo di mondo abbiamo poi creato per chi è venuto dopo? secondo me ci siamo adagiati sulle comodità e chi è rimasto quello di quei tempi è considerato un fuori di testa