Google+ Followers

domenica 30 settembre 2012

UNA PROVOCAZIONE..MA LA MORTE IN MONTAGNA, E' SEMPRE LA COSA PEGGIORE ???

a volte mi capita , nelle mie pazze fughe con la mente, quando scappare  coi pensieri , mi sembra un ottimo modo di resistere in questa vita spesso marcia, di farmi domande che razionalmente non credo mi farei...
MA A VOLTE, IL MORIRE , E IN PARTICOLARE IL MORIRE IN MONTAGNA, E' LA COSA PEGGIORE CHE PUO' CAPITARE ???
E' vero , si lascia dietro una scia di dolore e magari di recriminazione, ma , avendo toccato con mano , proprio quest'anno cosa sia il morire con malattie incurabili , non essendo più neanche un uomo , in un groviglio di cavi e tibicini, non credo che mi dispiacerebbe  incontrare il mio destino nei posti che amo di più..
E poi , a parte la salute, non è peggio vivere una vita  nera già dal mattino , quando aprendo gli occhi  non ci si stupisce più neanche della bellezza dell'alba..l'umore è già nero tanto che  nel caffè che lentamente si mescola , già si intravede il colore della giornata se non dell'intera esistenza...


 Avere una vita senza sogni ed aspettare continuamente un qualcosa che non si sa cos'è , perchè il cuore chiuso e duro non offre molto, lavorare continuamente per non pensare ed aspettare solo il giorno che il denaro darà un sollievo  breve alla nostra sete, perchè come tutte le cose effimere non riempie il vuoto troppo spesso eterno della vita senza desideri un pò più alti e belli che non la solita e banale esistenza..
Non sapere amare , amando solo se stessi , ma in modo egoistico , vedendo sempre gli altri come avversari se non come nemici, con una invidia e gelosia che rodono i sentimenti nel più profondo del nostro essere...
Non lo so , il mio è solo un parere personale e magari parole di un matto,ma credo che in montagna di vada per vivere e più intensamente.PERO' C'E' DI PEGGIO CHE MORIRE INSEGUENDO DEI SOGNI.....C'E' LA TRISTE SITUAZIONE DI NON SOGNARE PIU'..CHE E' COME ESSERE MORTI.


EMILIANO....

..

5 commenti:

  1. Parole sante!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Ok!Lo aspettavo. Adesso che l'ho letto, posso dire che è verissimo.
    Molto meglio fare un volo di centinaia di metri e sfracellarsi al suolo piuttosto che vedere schiacciata la propria voglia di vivere e di sperare in qualcosa che qualcun'altro ha deciso per te. Adesso i matti siamo in due.


    RispondiElimina
  2. Mio padre è mancato in montagna. Caduto in un burrone a causa di una frana. Avrebbe potuto salvarsi ma è rimasto a faccia in giù in un riganolo ed è morto! Tutti hanno pianto perchè non si è salvato. Io, a distanza di 28 anni, ancora preferisco così. Era uno sportivo, giocatore di calcio e buon camminatore. sarebbe rimasto con la schiena spezzata e chissà quante altre cose. aveva 37 anni.

    RispondiElimina
  3. NON SO' KI TU SIA, MA PREGHERO' PER LUI. PROPRIO IERI IN GRIGNA C'E' MANCATO POCO, MA SONO ANCORA QUI. VIVO CON LA VOGLIA DI MONTAGNA NEL SANGUE. CIAO ANDREA, TI LASCIO CON UNA FRASE DI ALMIRANTE: VIVI COME SE DOVESSI MORIRE DOMANI, PENSA COME SE NON DOVESSI MORIRE MAI!

    RispondiElimina
  4. Sia breve questa Vita affinché non sia grande il disonore.

    RispondiElimina
  5. Io voglio assolutamente chiudere i miei occhi in montagna...Non so come ma...lassù �� Bellissimo scritto Emi grazie Lys ��

    RispondiElimina

Post più popolari

ai giovani

sempre più spesso si sentono criticare i giovani,perchè sono vuoti ,leggeri e non hanno ideali..Ma noi adulti che mondo abbiamo lasciato a questi ragazzi? Le nostre lontane lotte,cosa ci hanno dato da tramandare ai giovani? Noi che allora eravamo idealisti e lottavamo per i diritti,che tipo di mondo abbiamo poi creato per chi è venuto dopo? secondo me ci siamo adagiati sulle comodità e chi è rimasto quello di quei tempi è considerato un fuori di testa