Google+ Followers

lunedì 1 ottobre 2012

A SARA E SIMONE PER IL LORO MATRIMONIO

Sara e Simone , si sono conosciuti alla sede del CAI e in montagna hanno imparato , legati con la corda su bellissime vie, a conoscersi e ad accettare  i difetti uno dell'altro e ad apprezzare le qualità ..Ieri sono diventati  una cosa sola e dopo la comunione si è letta dall'altare una mia preghiera..
CON I MIEI MIGLIORI AUGURI, HO SCRITTO QUESTE PAROLE...


Signore
Oggi il tuo amore,
il tuo disegno di felicità senza fine per ogni uomo
 prende forma nel matrimonio di Simone e Sara.
Tu li hai fatti incontrare sulle montagne che hai creato
 per dare un senso diverso al vivere di ogni giorno
e per farti ringraziare e lodare ogni volta che la loro bellezza ci fa battere più forte il cuore,
stupiti da tanta e commovente magnificenza.
Hanno imparato,legati da una corda forte, ma sottile,
a fidarsi e a donarsi uno dell'altra,
per raggiungere in cima uno scopo,una realizzazione forse povera e inutile,
ma ricca di senso e di appagante soddisfazione.
Noi ti ringraziamo
perché il loro amore è per noi fonte di gioia
 e di speranza per un mondo migliore
e ti chiediamo di star loro vicino con la tua grazia
 e ad aiutarli,
anche quando il buio sembrerà invincibile ed eterno
a non perdere mai di vista
la stella che li ha guidati fino ad ora,
il tuo amore per il mondo
 che oggi qui davanti e con noi,attraverso a loro
 diventa un concreto segno di tutto il bene che vuoi
 ad ogni persona e al mondo intero.
Grazie che ancora una volta,
con Simone e Sara,
ci fai toccare con mano
 la felicità del seguirti sulle strade della vita.

Amen


Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari

ai giovani

sempre più spesso si sentono criticare i giovani,perchè sono vuoti ,leggeri e non hanno ideali..Ma noi adulti che mondo abbiamo lasciato a questi ragazzi? Le nostre lontane lotte,cosa ci hanno dato da tramandare ai giovani? Noi che allora eravamo idealisti e lottavamo per i diritti,che tipo di mondo abbiamo poi creato per chi è venuto dopo? secondo me ci siamo adagiati sulle comodità e chi è rimasto quello di quei tempi è considerato un fuori di testa