Google+ Followers

sabato 13 ottobre 2012

L'EFFIMERO E BELLO DELL' ESISTENZA:::

 
,  hai fretta , il tempo è poco e tu sei sempre in ritardo, però il cielo si sta illuminando della luce magica e rossa , quasi calda dell'alba e tu ti fermi a guardare i bordi rossastri delle nubi che come tanti fili tirati da una mano misteriosa , sembrano guidare il sorgere del sole..
ti sai ancora stupire dello spettacolo che ogni mattina e ogni sera,
 quando il sole sfera perfetta cala dietro l'orizzonte
ti regala la natura , per impreziosire la tua anima di note calde e soavi che ti fanno stare bene per pochi istanti , ma che ti illuminano , giorno per giorno , l'esistenza..
Sei sdraiato supinamente sul divano  per godere attimi di prezioso riposo  e dalle finestre semi chiuse , entrano , come tante frecce , raggi di luce che disegnano tante traiettorie dove il pulviscolo sembra galleggiare e , con la fantasia , regalano alla mente visioni fantastiche e originali..
Ci vuole poco per vedere il bello che c'è in tutte le cose che abbiamo intorno, basta avere gl occhi eil cuore di un bambino che si sa stupire di ogni cosa che scopre e lo circonda..

Quando il nostro cuore è chiuso, dal dolore che è sempre più forte in certi periodi e certe situazioni, dalla noia che è il male peggiore del nostro tempo , dal non amore che forse è una cosa comune a molti che oltre a non essere amati , non sanno amare,
dobbiamo far viaggiare col pensiero la nostra fantasia e cogliere il bello nelle piccole cose, perchè il mondo , la vita , sono tanti attimi messi insieme e sta a noi focalizzarci su quelli belli perchè il male , il brutto della vita è forte quando noi ci adeguiamo..
Dobbiamo aver la forza di alzare gli occhi , di guardare il alto e domani o magari più avanti chissà , sarà un altro giorno e forse il sole sorgerà anche sulle nostre buie vite e allora tutto , anche il passato avrà una luce e un colore più belli e la sofferenza non sarà che un triste e lontano ricordo..

 EMILIANO..

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari

ai giovani

sempre più spesso si sentono criticare i giovani,perchè sono vuoti ,leggeri e non hanno ideali..Ma noi adulti che mondo abbiamo lasciato a questi ragazzi? Le nostre lontane lotte,cosa ci hanno dato da tramandare ai giovani? Noi che allora eravamo idealisti e lottavamo per i diritti,che tipo di mondo abbiamo poi creato per chi è venuto dopo? secondo me ci siamo adagiati sulle comodità e chi è rimasto quello di quei tempi è considerato un fuori di testa