Google+ Followers

sabato 11 settembre 2010

tutti si riempiono la bocca con la parola amore e molti si credono di avere la ricetta infallibile per metterlo in pratica ed essere felici...
Qualcuno mi dice di amare gli altri,anche chi mi odia, ma ,all'atto pratico è sempre scontroso e triste,spero almeno che il futuro felice che mi promette e che,secondo lui devo meritarmi, valga la metà di quello che mi dice..
Molti blaterano che l'amore fisico rende felicissimi,ma anche con questi ho l'impressione che siano sempre in cerca di una fuga dal quotidiano che non può realizzare le legittime aspirazioni di ogni persona..
Per me amare è in prima cosa perdere un pò di sè stessi,del proprio egoismo e della propria inutile vanità,per accettare l'altro nella sua complessa totalità..E' facile amare quando si è ciechi,per ovvi motivi ,davanti ai difetti dell'altro , più difficile è accettarli come parte integrante di una vita insieme, ma senza la superbia di volerli , in un secondo tempo cambiare..
Solo smussando gli angoli che ognuno ha , con pazienza e guardando al bene che si fa e non al resto, l'amore ha senso e cresce ogni giorno di più.................... EMILIANO

2 commenti:

  1. L' amore non si misira... è qui e ora con disponibilità infinita, se la sai cogliere. ciao g

    RispondiElimina
  2. la parola giusta è proprio questa PERDERE UN PO' DI SEè STESSI...PERDERSI NELL'ALTRO....dimenticarsi di sè...ma qualcuno di bravo ricordo che ha detto " NAUFRAGARE MI è DOLCE IN QUESTO MARE"...ciao

    RispondiElimina

Post più popolari

ai giovani

sempre più spesso si sentono criticare i giovani,perchè sono vuoti ,leggeri e non hanno ideali..Ma noi adulti che mondo abbiamo lasciato a questi ragazzi? Le nostre lontane lotte,cosa ci hanno dato da tramandare ai giovani? Noi che allora eravamo idealisti e lottavamo per i diritti,che tipo di mondo abbiamo poi creato per chi è venuto dopo? secondo me ci siamo adagiati sulle comodità e chi è rimasto quello di quei tempi è considerato un fuori di testa