Google+ Followers

lunedì 6 settembre 2010

RITORNO

Il problema ,in montagna,non è la fatica,il fiato che non riesci a regolare ,tanto è ripido il pendio,i polpacci che bruciano che però devi sforzare,per realizzare un'altro dei tuoi tanti sogni..
Non è neanche lasciare a valle i tuoi affetti più grandi ,per sfidare,confidando nella tua esperienza ma anche nella tua fortuna,il destino che,pertanto sia ignoto,spesso si dimostra cinico e baro...
Non è neanche la paura o l'indolenza di fare fatiche inutili,perchè quello che vedrai,ti ripagherà sempre e con gli interessi..
Il problema,secondo il mio personale e modesto parere,si pone quando,girate le spalle alla cima ,ci si deve,con molta fatica,incamminare verso un mondo che poco a poco,sento appartenermi sempre meno..Se qui,dove cielo e terra si amano in continuazione,io mi sento un re, padrone e sicuro di quello che faccio,senza dover mai giustificarmi del giusto o sbagliato delle mie scelte..alla ricerca assoluta del bello che anche se non è concreto per la mia vita, mi aiuta a renderla più vivibile..IL PROBLEMA IN MONTAGNA, PER ME, NON E' SALIRE,MA SCENDERE IN UN MONDO CHE REPUTO SEMPRE PIU' MENO MIO

EMILIANO

1 commento:

  1. La grande sfida è quella di cercare ogni giorno, in ogni ambiente un po' di quel "senso di montagna"che tanto ti appaga....ciao alla prossima Nicoletta

    RispondiElimina

Post più popolari

ai giovani

sempre più spesso si sentono criticare i giovani,perchè sono vuoti ,leggeri e non hanno ideali..Ma noi adulti che mondo abbiamo lasciato a questi ragazzi? Le nostre lontane lotte,cosa ci hanno dato da tramandare ai giovani? Noi che allora eravamo idealisti e lottavamo per i diritti,che tipo di mondo abbiamo poi creato per chi è venuto dopo? secondo me ci siamo adagiati sulle comodità e chi è rimasto quello di quei tempi è considerato un fuori di testa