Google+ Followers

sabato 19 maggio 2012

A MELISSA...non ti conoscevo,ma la tua immagine fresca e innocente è entrata nel mio cuore...

ti immagino stamattina, allegra e trafelata , 
 salutare velocemente e correre alla scuola ,
lasciando di te per sempre e indimenticabili ,
alle persone che ti amano e che non ti dimenticheranno mai,
gli ultimi struggenti ricordi della tua giovinezza...
Una giovinezza che una mano ,
crudele e vigliacca,ha stroncato per sempre...
Non ci può essere pietà per chi,
senza nessuno rimorso e nessuna pietà,
non avendo neanche il coraggio del proprio essere,
mette una bomba in un posto dove si cresce
insieme nel concetto di cultura e legalità...
Tu ignara ,andavi incontro al tuo destino
curiosa e ansiosa di imparare e di sapere
 quale può essere il senso vero della vita
e chi ha scelto il buio e l'ignoranza, 
ha fermato il tuo cammino con  una violenza
 e una codardia che non hanno bisogno di parole 
ha cercato di farci tornare in un mondo
che ormai non ci appartiene più..
Io voglio ricordarti,
anche se non ti conosco,
col sorriso che hai sulle foto e 
nel mio cuore ,il tuo posto sarà vicino
a quelle persone che hanno lottato per un ideale
e contro l'ignoranza..e al momento sembra abbiano fallito
perchè la violenza ,ignorante e crudele,
li ha uccisi...ma che nel cuore e nella mente
di moltissime persone semplici e coraggiose
sono vive e ancora esempi da seguire...
Ciao Melissa,
il tuo sacrificio,così triste e doloroso,
sarà seme e nutrimento per chi crede ancora
e forse oggi di più, 
in un mondo più giusto e vero...


Emiliano

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari

ai giovani

sempre più spesso si sentono criticare i giovani,perchè sono vuoti ,leggeri e non hanno ideali..Ma noi adulti che mondo abbiamo lasciato a questi ragazzi? Le nostre lontane lotte,cosa ci hanno dato da tramandare ai giovani? Noi che allora eravamo idealisti e lottavamo per i diritti,che tipo di mondo abbiamo poi creato per chi è venuto dopo? secondo me ci siamo adagiati sulle comodità e chi è rimasto quello di quei tempi è considerato un fuori di testa