Google+ Followers

mercoledì 4 agosto 2010

A LILIANA

Finalmente è sera e stanca morta,mi godo il fresco rilassante del giorno che muore..
Il frinire delle cicale, e il volo evanescente e bizzarro delle lucciole mi fanno compagnia e mi aiutano a guardare ,con animo sereno,quella che è la mia vita.
La mia mamma ,che tanto mi ha amato e cresciuto,ha una grave malattia e io non posso abbandonarla alla solitudine e aiutata dai miei familiari,le sono di sostegno..
Curare una persona con queste nuove malattie ,non è facile,è un pò come scavare alla ricerca di minerali,si fa fatica,ci si sporca,qualche volta sembra di perdere solamente del tempo prezioso,ma quando si trova un geode molto bello,la gioia è enorme..
E quando mi sorridi come a ringraziarmi dell'amore che ho per te,il cuore mi si riempie di gioia e cresce un pochino la speranza che tu possa avere una vecchiaia felice e lunga..ma non c'è problema,qualunque sia il tuo futuro ,la tua amata figlia e i tuoi nipoti ,ti saranno sempre accanto.
Adesso il freddo è più intenso e il sonno e la stanchezza cominciano a farsi sentire,mi accordo e ringrazio un attimo il buon Dio e gli chiedo di farmi crescere l'amore e lo spirito di servizio che anche tu ,e credo che lo ricordi,mi hai insegnato....

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari

ai giovani

sempre più spesso si sentono criticare i giovani,perchè sono vuoti ,leggeri e non hanno ideali..Ma noi adulti che mondo abbiamo lasciato a questi ragazzi? Le nostre lontane lotte,cosa ci hanno dato da tramandare ai giovani? Noi che allora eravamo idealisti e lottavamo per i diritti,che tipo di mondo abbiamo poi creato per chi è venuto dopo? secondo me ci siamo adagiati sulle comodità e chi è rimasto quello di quei tempi è considerato un fuori di testa