Google+ Followers

domenica 15 agosto 2010

non posso chiedere di più alla vita..
Il vostro arrivo è stato realizzare uno dei miei sogni più belli e di quei momenti ricordo chiaramente la mie copiose lacrime di gioia..
Poi le notti perse col vostro sonno che non arrivava mai,se non quando dovevate restare svegli,le vostre marachelle e qualche volta il vostro ruffianare o me o la mamma a seconda delle convenienze..
Adesso che siete cresciuti e non vi porto più in braccio e in groppa ,sopratutto in montagna,cerco,senza prevaricare la vostra idea di vita,di seguirvi e di aiutarvi nella bellissima ma difficile avventura che è e sarà la vostra vita...Molti vi consiglieranno e vi sapranno spiegare tutto ,ad insegnare agli altri sono capaci tutti,ma quello che conta e spero capiate dalla vita dei vostri genitori,è che nella vita niente è facile o dovuto e chi vi nasconderà la fatica del vivere per proporvi la comodità dell'apparire ,non vi vuole bene..è per questo che io e la mamma ,anche con dispiacere ,vi abbiamo detto di no molte volte e vi assicuro che spesso questi no hanno fatto più male a noi che a voi..però siamo sicuri che questi dispiaceri momentanei che vi abbiamo dato ,saranno base per le vostre scelte di una vita da persone e non da gente che tira a campare,,e se siamo serviti magari solo a questo,a noi basta..

Emiliano

1 commento:

  1. è vero per i figli porre dei chiari paletti non solo è giusto ma doveroso. Ti ringrazieranno e saranno sempre consapevoli che è giusto così. Non so se ve ne siete accorti, ma se i genitori non creano delle regole i figli ne rimangono delusi!!

    RispondiElimina

Post più popolari

ai giovani

sempre più spesso si sentono criticare i giovani,perchè sono vuoti ,leggeri e non hanno ideali..Ma noi adulti che mondo abbiamo lasciato a questi ragazzi? Le nostre lontane lotte,cosa ci hanno dato da tramandare ai giovani? Noi che allora eravamo idealisti e lottavamo per i diritti,che tipo di mondo abbiamo poi creato per chi è venuto dopo? secondo me ci siamo adagiati sulle comodità e chi è rimasto quello di quei tempi è considerato un fuori di testa