Google+ Followers

sabato 10 novembre 2012

UN MIO SOGNO , DA REALIZZARE COI MIEI AMICI, L'ANNO PROSSIMO..(parte prima )

con i miei amici , il prossimo mese di luglio, ho intenzione di fare due giorni in paradiso e questo è il programma..lo so che è molto presto , ma cosa costa sognare???
Arriviamo con la macchina sotto passo FALZAREGO  e con la bidonvia  ci portiamo al rifugio SCOIATTOLI, un posto , con un panorama da brividi, con davanti a noi le cime che vogliamo salire , e intorno famosi appicchi dolomitici..
Col sentiero , veramente tranquillo , ci portiamo verso la cima del NUVOLAU e in breve tempo e con poca fatica , arriviamo in cima..
Al rifugio omonimo, una sgnappetta in compagnia , riscalda i cuori e apre un poco le menti, anche perchè vista un po' come premio  e fine alla nostra salita..
Dalla cima il panorama è veramente mozzafiato ed essendo circolare , la veduta è magnifica..La maestosa parete nord del CIVETTA, fosca e attraente nella sua orrida difficoltà, il PELMO, solitario e regale , l'ANTELAO esile e aggraziato ma non per questo meno bello, i LASTRONI DI FORMIN, la CRODA DA LAGO, punta FIAMES, le TOFANE, torri FALZAREGO, SASS DE STRIA, tutte  cime superbe e senza contare quelle che non ricordo , che forse sono la maggioranza..
In discesa , con una breve disgressione , si può salire anche la cima dell 'AVERAU e l'unica difficoltà è un caminetto con cavo metallico , che definire banale è appropriato..non c'è proprio da aver paura e in un attimo si è in cima..
Alla fine , anche qui , dopo la gioia della vetta , si può scendere al rifugio 5 torri..E qui quanti ricordi , quante vie , quante emozioni, La Miriam alla grande , la quarta bassa completamente slegato, la Lusy, la Barancio , laTrephor che adesso non c'è più , perchè crollata e che ho salito tutta coi chiodi perchè ero stanco..e molte altre.. che bello avere dei bellissimi ricordi e magari ancora dei sogni..
Ma adesso al rifugio...


Il rifugio 5 torri , è per me , uno dei posti dove ho i ricordi più belli, delle estati più felici della mia vita...
Qui non può mancare il pranzo con i famosi CANEDERLI, che io così buoni non ho mai mangiato da nessuna parte..Mi ricordo ancora quell'anno che alla sera , con il figlio del sig.Berto , Marco , un simpaticissimo e molto forte in roccia, ragazzo che insieme al padre e alla madre gestiva il rifugio , abbiamo salito la LUSY, una via facile di 8 tiri e al momento dell'ultima doppia, Berto ci chiamava di fare presto che i canederli erano pronti.. come dicevo , buonissimi...Dopo pranzo , saluti di rito, e poi verso Misurina e il rif. AURONZO.. ma di questo vi parlerò domani...
Se vuoi essere dei nostri contattami, ne vale veramente la pena..
                                                                                                    (continua.. )




EMILIANO..

2 commenti:

  1. e certo che ci saro.. vuoi sherzare.. è da una vitache voglio afre quel giro....giovanna.

    RispondiElimina

Post più popolari

ai giovani

sempre più spesso si sentono criticare i giovani,perchè sono vuoti ,leggeri e non hanno ideali..Ma noi adulti che mondo abbiamo lasciato a questi ragazzi? Le nostre lontane lotte,cosa ci hanno dato da tramandare ai giovani? Noi che allora eravamo idealisti e lottavamo per i diritti,che tipo di mondo abbiamo poi creato per chi è venuto dopo? secondo me ci siamo adagiati sulle comodità e chi è rimasto quello di quei tempi è considerato un fuori di testa