Google+ Followers

lunedì 19 marzo 2012

A MARA....

A MARA....


una ragazza che fa dell'avventura ,un modo di vivere intensamente
questo straccio di esistenza che chiamano vita....




è il destino dei grandi ,delle persone speciali , vivere intensamente e coraggiosamente ,in questa realtà ,a volte fumosa che è la vita quotidiana...
Tutti ti credono felice ,forse anche superficiale e qualcuno ,che ha sempre in tasca le verità assolute , ti crede immatura perchè cerchi la felicità ,quella vera ,anche mettendo a rischio la vita e ,provi ancora oggi ,il rischio e il gusto di metterti in gioco nonostante tutti si aspettino da te comportamenti più maturi e responsabili..
Io invece ,amo pensare che certe tue scelte ,certi tuoi battiti di cuore ,siano una forma di ribellione ad un mondo che falso ,vuole da te cose che non hanno niente da spartire con la vera felicità...
Loro seri ,i maturi ,i responsabili, quelli che hanno capito tutto ,ridono dei tuoi lanci col paracadute o della tua passione per una squadra di calcio,passione che a volte sembra una malattia..


Ma che ne sanno della solitudine da riempire ,della voglia di cambiare il mondo ,contro tutto e tutti e della delusione nel constatare che lotti sola contro i giganti ..
Che ne sanno dei tuoi ideali giovanili che cerchi con fatica di vivere ogni giorno senza l'aiuto di nessuno se non di pochi..
Io credo di essere un po' come te e mi sento solo di dirti che nel calcio ,come nella vita ,finchè l'arbitro fischia la fine ,c'è sempre la possibilità di vincere e cambiare il risultato...se il capitano a Madrid ha alzato la coppa ,è perchè ,qualche partita prima ,se al novantesimo eravamo fuori ,al novantaduesimo siamo passati e ci abbiamo creduto fino alla fine..
E' questo il mio augurio per una donna tenace e tenera come te ,magari innamorata di qualcuno che non ti merita..non cedere mai ,i conti si fanno sempre alla fine e magari a sorridere saremo noi che il mondo considera un po' matti..



EMILIANO


Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari

ai giovani

sempre più spesso si sentono criticare i giovani,perchè sono vuoti ,leggeri e non hanno ideali..Ma noi adulti che mondo abbiamo lasciato a questi ragazzi? Le nostre lontane lotte,cosa ci hanno dato da tramandare ai giovani? Noi che allora eravamo idealisti e lottavamo per i diritti,che tipo di mondo abbiamo poi creato per chi è venuto dopo? secondo me ci siamo adagiati sulle comodità e chi è rimasto quello di quei tempi è considerato un fuori di testa