Google+ Followers

domenica 18 marzo 2012

IL LAVORO DELLA DOMENICA..

Anche con queste parole che mi appresto a scrivere,credo che perderò qualche amico,ma le cose che voglio dire ,mi stanno sullo stomaco da anni..per cui .. e poi quello di cui parlo ,l'ho provato sulla mia pelle ,per cui so cosa dico e me ne assumo tutte le responsabilità...
Il governo Monti ,fra le tante cose fatte  ( a proposito ,ma le riforme ,non dovevano farle altri ?? ) ha fatto passare una cosa che a me sta sui coglioni in maniera molto pesante,l' APERTURA DOMENICALE  dei negozi...Certo ,uno può dire che così è più comodo ,che in tutto il mondo fanno così e poi pane latte e prosciutto sono freschi,ma nessuno pensa alle persone che stanno dietro un banco ,una cassa oppure che caricano scaffali, quand o potrebbero fare di meglio???

Nessuno pensa alla famiglie che adesso non hanno neppure il tempo di trovarsi alla domenica...Se in una casa ,esempio la mia ,uno fa il metalmeccanico e l'altra la cassiera,quando ci si può trovare per parlare ,per vivere ,per stare coi propri figli?? Prima era la domenica ,ma adesso ?? io non ho più questo problema per cause di forza maggiore,ma quante famiglie conosco che provano sulla loro  pelle il disagio del lavoro della festa..
E non mi si dica che tanto sono pagati ,primo perchè non è così ,se lavori di domenica ,io ti lascio a casa il martedì per esempio e l'ultimo contratto equipara le giornate e poi un mio saggio amico diceva sempre che EL LAURA' DLA FESTA EL VEGN INDREN DA L' US E EL VA FORA DA LA FINESTRA..il lavoro della festa entra dall'uscio ed esce dalla finestra ,nel senso che i soldi guadagnati si spendono in altri modi..vedi baby sitter o altro..E poi  scusatemi ,ma che senso ha ,la domenica andare a fare la spesa ..molti dicono che non sanno cosa fare..io non mi stanco mai di stare con mia moglie ,se poi non ci sono i figli tanto meglio..ma ci sono i nonni ,le biciclette ,la campagna ,i monti ,il mare ..perchè proprio il supermercato??
E non mi si dica che in ospedale ci sono anche di domenica..a parte che quello purtroppo è un dovere, io dottori di domenica in ospedale ne ho visti pochi...

Qualcuno non ci crederà ,ma quando ho fatto il salumiere al super  ( l'ho fatto per 20 anni ) c'erano alcuni anni che da metà ottobre lavoravo sempre fino al 10 gennaio..io Sebastiano ,a differenza di Marta ,l'ho visto poco crescere,,,Un' ultima cosa ...è vero che tutti abbiamo bisogno di lavorare,ma un pò si esagera..in un super vicino qua ,puoi andare a pisciare ,solo dopo 5 ore che lavori..non ci credi?? chiedi alle interessate..addirittura vicino a noi ,c'è una cassiera in causa col supermercato perchè l'hanno fatta pisciare addosso.. e se noi ci informassimo prima come sono trattate le persone e boicottassimo quelli che sono carceri sarebbe una brutta idea?? ASPETTO CRITICHE E RISPOSTE.. MA PRIMA DELLA NOSTRA COMODITA' ;POSSIAMO PENSARE AI DISAGI DEGLI ALTRI ???

EMILIANO

2 commenti:

  1. verissimo quello che dici... la domenica è il giorno del riposo di stre con la famiglia... ecco perche vanno persi tutti i valori morali e interpersonali...ecco perche i giovani sono cosi agressivi e maleducati.... la domenica è la giornata dedicata alla famiglia da passare con i figli e fare tutte quelle cose che in tutte le famiglie si fanno.... stare assieme...se andiamo avanti cosi della nostra societa e del nostro essere italiani con tutte le nostre tradizioni ,tutto questo andra perso e perderemo anche noi stessi.... peccato..giovanna

    RispondiElimina
  2. Hai ragione in pieno...mi sto dannando per trovare un lavoro settimanale...ci ho buttato 7 anni universitari, non dico per trovare il lavoor dei sogni, ma per lo meno settimanale...invece nulla. I posti liberi sono solo in centro storico, nei supermercati o nei centri commerciali. Io, se fossi al governo, la prima cosa che farei è quella di creare leggi che tutelino chi ha una famiglia da crescere. Già si fanno pochi figli, e quei pochi sono lasciati pure crescere a se stessi. Che pessimo futuro...

    RispondiElimina

Post più popolari

ai giovani

sempre più spesso si sentono criticare i giovani,perchè sono vuoti ,leggeri e non hanno ideali..Ma noi adulti che mondo abbiamo lasciato a questi ragazzi? Le nostre lontane lotte,cosa ci hanno dato da tramandare ai giovani? Noi che allora eravamo idealisti e lottavamo per i diritti,che tipo di mondo abbiamo poi creato per chi è venuto dopo? secondo me ci siamo adagiati sulle comodità e chi è rimasto quello di quei tempi è considerato un fuori di testa