Google+ Followers

venerdì 27 aprile 2012

GUARDARE INDIETRO, PER VEDERE MEGLIO LA STRADA DAVANTI...

A volte nella vita,penso ci voglia  la forza oppure la determinata curiosità  di guardarsi indietro e vedere il cammino fatto ,per capire se la strada è quella giusta...
A volte ci scapperà un sorriso ,a volte anche una lacrima per i ricordi troppo dolorosi ,però guardarsi indietro è il modo migliore per andare avanti...
Io mi ricordo ,tantissimi anni fa,era  l'ultimo anno di asilo e il sacerdote ci ha portato in oratorio per farci vedere le aule del catechismo.. era domenica e i ragazzini erano impegnati e io mi ricordo nitidamente il pensiero che mi è venuto subito vedendi leggere e scrivere...IO NON IMPARERO' MAI..dopo tanti anni sorrido di quel pensiero e anche se non sono proprio bravo a leggere e scrivere ,qualcosina l'ho imparata...

Davanti a casa mia , c'era e c'è ancora un muretto di cinta alto circa tre metri ,coi mattoni rossi ed un sacco di buchi ,i grandi lo arrampicavano con facilità ma io non riuscivo, e pensavo di non farcela mai..adesso ci rido su e se penso alle rocce che ho salito nel mio scalare montagne mi viene da ridere ,ma allora per me era un ostacolo insormontabile...

Al mare ,al lago o in piscina ,i miei amici si divertivano un mondo nell'acqua alta e io che non sapevo nuotare ,come un cretino me ne stavo sempre da solo.. pensavo che è vero in fisica c'è la legge del galleggiamento dei corpi,ma se è così ,perchè le persone annegano ??? Finchè ,stufo di essere un paria ,mi sono buttato e adesso anche se non andrò alle olimpiadi ,penso di farcela a fare almeno le tre o quattro vasche che mi servono per non annegare... poi è vero che il nuotare è un'altra cosa ,però me la cavicchio...

Da giovane ,dopo l'ennesima delusione e il solito rifiuto da parte di una ragazza ,ero convinto di fare il gestore di un rifugio ,però di quelli isolati dove passa pochissima gente e specialmente poche donne,insomma una specie di eremita delle montagne ,tanto era amareggiato, se non poi accorgermi ,casualmente che forse la luce c'è dove meno te la aspetti e adesso vivo felice nella luce splendida di una bella storia d'amore e di una famiglia stupenda...

TUTTO QUESTO PER DIRE E PER FAR CAPIRE CHE NON BISOGNA MAI PERDERE LA SPERANZA E CHE LA FELICITA ' E' FORSE DIETRO L' ANGOLO CHE CI ASPETTA, MAGARI IGNARI DELLA SUA PRESENZA...



EMILIANO...

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari

ai giovani

sempre più spesso si sentono criticare i giovani,perchè sono vuoti ,leggeri e non hanno ideali..Ma noi adulti che mondo abbiamo lasciato a questi ragazzi? Le nostre lontane lotte,cosa ci hanno dato da tramandare ai giovani? Noi che allora eravamo idealisti e lottavamo per i diritti,che tipo di mondo abbiamo poi creato per chi è venuto dopo? secondo me ci siamo adagiati sulle comodità e chi è rimasto quello di quei tempi è considerato un fuori di testa