Google+ Followers

lunedì 16 aprile 2012

LA GRANDEZZA DEL MIO PICCOLO ESSERE...cosa sono io davanti alla magnificenza del creato???

mi capita a volte di perdermi ,senza fiato ,nel nero del cielo ,pieno di stelle che sembrano uno strascico di sposa e che ammutoliscono i pensieri fin nel profondo della mia anima...
Sarebbe bello poterle contare, oppure ,meglio ancora ,chiamarle per  nome ,una ad una, ma non basterebbe  una vita e la cosa che più mi lascia piacevolmente stupito è il fatto che il pezzo di cielo che posso vedere io ,non è che una piccola parte di quello spettacolo che è lo spazio più profondo  e affascinante...con  i suoi miracoli e i  suoi spettacoli che ogni giorno ,da milioni di anni e per l'eternità rendono l'universo ,l'immagine più bella di DIO...


E' un pò come quando arrivo in cima ad una montagna , ho fatto fatica ,ho vinto la mia pigrizia , la mia viltà e le mie debolezze , ho realizzato un'altro sogno eppure quante altre cime vedo ,quanti altri sogni mi nascono nella mente e nel cuore ??? Quanta altra vita dovrò e potrò vivere per salire queste splendide cattedrali ???
Oppure  come quando guardo da lontano due innamorati che  coccolandosi si promettono l'eternità e mano nella mano si incamminano sulle difficili strade della vita..
Ma quanto amore c'è al mondo?? E cosa sarebbe l'esistenza senza questa forza così difficile ma così bella?? E così importante e appagante per il vivere...


La cosa bella è che io ,piccolo uomo ,davanti alla magnificenza della natura ,valgo e conto poco,ma se so usare il cuore e so amare tutto e tutti,nel mio claudicante camminare  per le vie strette e difficili di questa avventura chiamata vita,con la mente e col mio essere posso essere grande abbastanza per capire e per sentirmi parte importante del mondo...


EMILIANO

1 commento:

  1. ...amare si' nulla di piu' ci chiede questa vita...grazie Lis

    RispondiElimina

Post più popolari

ai giovani

sempre più spesso si sentono criticare i giovani,perchè sono vuoti ,leggeri e non hanno ideali..Ma noi adulti che mondo abbiamo lasciato a questi ragazzi? Le nostre lontane lotte,cosa ci hanno dato da tramandare ai giovani? Noi che allora eravamo idealisti e lottavamo per i diritti,che tipo di mondo abbiamo poi creato per chi è venuto dopo? secondo me ci siamo adagiati sulle comodità e chi è rimasto quello di quei tempi è considerato un fuori di testa